È stata la mano di Dio: la lettera di Robert De Niro che omaggia Sorrentino

È stata la mano di Dio, film del 2021 scritto e diretto da Paolo Sorrentino, rappresenterà l’Italia agli Oscar 2022 nella sezione del “miglior film internazionale”.

Tra i molti che hanno apprezzato questo nuovo film autobiografico di Sorrentino c’è anche il famosissimo attore di origine italiane Robert De Niro che su Deadline ha voluto dedicare un’intensa e commovente lettera omaggiando il cineasta napoletano. Eccone la traduzione in italiano:

Ci sono così tante cose fantastiche in È stata la mano di Dio, la ricca storia di formazione di Paolo Sorrentino. È un film intensamente personale. Sorrentino, che lo ha scritto oltre che diretto, ha creato il suo surrogato Fabietto dal proprio DNA e dalle proprie esperienze e ambienta il film nella sua nativa Napoli.

Il co-protagonista più importante di Fabietto non è un membro del cast meraviglioso, ma è piuttosto la città stessa. Si coglie l’amore di Sorrentino per Napoli nelle bellissime inquadrature iniziali, quelle che ci consentono un avvicinamento aereo alla città dal Golfo di Napoli. E vedi il suo amore nel suo affetto per la varietà dei personaggi: eccentrici, spesso molto divertenti, più grandi della vita, appassionati (e con questo intendo rumorosi), pieni di gioia e speranza. Sono stato a Napoli solo poche volte, ma per me questo film è decisamente napoletano come molti dei film di Marty Scorsese ( The of Wall Street, Al di là della vita, Mean Streets, Taxi Driver , ecc.) e molti altri dei film di Woody Allen (Io e Annie, Broadway Danny Rose, Manhattan, ecc.) sembrano essenzialmente appartenere a New York. Napoli per molti versi mi ricorda la New York italo-americana che amo.

La location scelta dell’Italia meridionale serve bene la narrazione di Sorrentino. Dice: “La realtà è solo il punto di partenza per una storia. Deve essere reinventato. Qui a Napoli abbiamo un modo divertente di reinventare i ricordi”. Nonostante la tragedia che è al centro letterale del film, È stata la mano di Dio trabocca di divertimento. Scene come il pranzo all’aperto della famiglia allargata e la successiva gita in barca sono così affascinanti e divertenti. E mentre la storia centrale racconta di Fabietto strappato alla sua precaria giovinezza e trascinato in un’età adulta prematura e sgradita, le storie lungo la strada non hanno prezzo. Ad esempio, c’è Armà, il contrabbandiere di sigarette/cappuccino da poco/teppista violento/amico solidale e infine galoppino; stravagante, sì, ma completamente credibile per me a causa delle mie esperienze a New York da bambino.

E c’è Capuano (il vero Antonio Capuano, famoso regista napoletano, divenne mentore del giovane Sorrentino). In una scena meravigliosa verso la fine de La mano di Dio , Fabietto supplica Capuano di dargli una direzione. Capuano lo interroga alternativamente e lo rimprovera, le loro voci si alzano, quasi musicalmente. Sembra la scena di una grande rappresentazione d’opera. Fabietto gli dice: “Non mi piace più la realtà. La realtà fa schifo. Per questo voglio fare film”. Vuole andare a Roma per sfondare nel cinema. Capuano gli urla: “A Roma ci vanno solo gli stronzi! Sai quante storie ci sono in questa città… Guarda! È possibile che questa città non ti ispiri affatto? Hai una storia da raccontare? Trova il coraggio di raccontarla! 

Fabietto va comunque a Roma. Alla fine del film, sta andando . E ora – 35 anni dopo – Sorrentino è tornato a Napoli per È stata la mano di Dio. Va bene. Mille Grazie, Paolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.