Cinque anni dal sisma de L’Aquila: io non dimentico!

Terremoto nell’animo di chi spesso combatte con la vita.

Terremoto nel cuore di chi spesso lotta con l’indolenza del meriggio.

Terremoto nelle mani di chi deve sentirsi impegnato in un inganno indaffarato.

Terremoto negli occhi per comprendere l’importanza di veder volare ancora L’Aquila.

(“Il volo dell’Aquila”, poesia di John Truecooks)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.