Sette anni dal sisma de L’Aquila: io non dimentico!

Mamma, per cortesia, accendi la televisione!

E tu stai fermo che voglio vedere!

“Guarda cosa è successo laggiù!

Oh mamma mia, è proprio una rovina…

… sono crollate le case ed anche i tetti delle chiese!”

Eppure l’Aquila mia

era di una bellezza che non ti dico.

Pensa che era il centro antico dell’Abruzzo.

Quando io ero bambina

di macchine ce n’erano assai poche

e in tutta tranquillità per le strade si poteva camminare

e nel suo splendore anche il Gran Sasso bello si poteva ammirare.

E poi c’era quella fabbrica di Nunzia

che faceva dei torroni che erano una delizia!

Certo d’inverno i ficchi di neve cadevano grandi e fitti

ed il vento gelido ti faceva rabbrividire,

ma in estate del piacevole frescolino potevi usufruire.

Mi ricordo che davanti ad un balcone

c’era sempre un bimbo sudicio e solo

che la mattina mangiava soltanto la polenta

senza neanche un pezzettino di salsiccia.

“Che hai da guardare. Ne vuoi un poco?” Mi diceva.

“Povero sciocco, di quella roba lì non ne ho certo voglia!”

Quel furbacchione di un banditore

voleva sempre imbrogliare un povero cafone

che da Cese veniva al mercato cittadino

per vendere pochi funghi ed un carico di legna.

Una volta uno di Preturo cucinò la volpe invece della lepre

e la fece mangiare ad una sua commare

che con lui aveva un bel debito di scommesse…

E la maestra che insegnava alla Forcella te la ricordi?

Quella sì che era una brava persona

e, se non sbaglio, veniva dalla Toscana.

Sicuro che se non ti comportavi bene

ti dava anche una bella punizione

però a tutti quanti noi era tanto affezionata.

Ma adesso L’Aquila mia

per il terremoto è tutta danneggiata

ed io è da tempo che non ci vado

e la vorrei proprio rivedere.

Ci auguriamo che quel galantuomo

che possiede una gran quantità di denaro

e si vede sempre in televisione

svelto-svelto la possa sistemare.

Ma se fa il tonto e non lo fa

gli diamo un secchio e una piccozza da muratore

e con gli indumenti tutti sporchi di calce

insieme agli altri lo mandiamo a lavorare.

L’AQUILA ME’, poesia di LUCIA BONANNI

IO NON DIMENTICO!

Commenti

  • Certo son passati 7 lunghi anni da quel tremendo giorno! Eppure il ricordo è sempre vivo nei nostri pensieri e nei nostri cuori. Una preghiera per le tante persone che purtroppo ci hanno lasciato!!! R.I.P.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *