Quarant’anni dallo sbarco sulla Luna

« Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l’umanità. »
(Neil Armstrong)

Neil Armstrong ha posto il suo piede sulla polvere lunare alle 4,57 ora italiana“: l’agenzia Ansa diede così la notizia del primo uomo sceso sulla Luna, seguendo attimo per attimo ogni fase di quella missione storica, nella lunghissima notte fra il 20 e il 21 luglio 1969. Poche righe scritte con la consapevolezza di descrivere un momento destinato a restare nella memoria di tutti e che seguivano una lunghissima cronaca.

Il 20 luglio 1969 il modulo lunare chiamato “Eagle“, venne separato dal “Columbia“. Michael Collins rimase a bordo del Columbia, mentre l’Eagle con Neil Armstrong e Buzz Aldrin, scendeva sulla superficie. Dopo un attento controllo visivo, Eagle ha acceso il motore e iniziato la discesa. Durante questa fase, gli astronauti si accorsero che il sito dell’atterraggio era molto più roccioso di quanto avessero indicato le fotografie. Armstrong prese il controllo manuale del modulo lunare, che fece allunare alle 20:17:40 UTC.

Il primo sito di atterraggio dell’Apollo, nella parte meridionale del Mare della Tranquillità a circa 20 km a sud-ovest del cratere Sabine D, fu scelto perché ritenuto abbastanza piano e liscio dai rilevamenti effettuati dai lander Ranger 8 e Surveyor 5, così come dalle mappe tracciate dal Lunar Orbiter.

Alle 2:56 UTC, ovvero sei ore e mezza dopo aver toccato il suolo, Armstrong compì la discesa sulla superficie e fece il suo grande passo per l’umanità. Aldrin lo seguì, e i due astronauti trascorsero due ore e mezza a fotografare la superficie lunare e raccogliere campioni di roccia.

L’equipaggio dell’Apollo 11 lasciò una targa di acciaio inossidabile, per commemorare lo sbarco e lasciare informazioni sulla visita ad ogni altro essere, umano o meno, che la trovi. Sulla targa c’è scritto:

Here men from the Planet Earth first set foot upon the moon, July 1969, A.D.
We came in peace for all mankind.

[Qui, uomini dal pianeta Terra posero piede sulla Luna per la prima volta, luglio 1969 d.C.
Siamo venuti in pace, a nome di tutta l’umanità.]

La targa raffigura i due emisferi del pianeta Terra, ed è firmata dai tre astronauti e dall’allora Presidente degli Stati Uniti d’America Richard Nixon.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *