Pasquetta 2010 all’insegna degli Animali

Dopo tanto, eccomi a parlare di me.

Giorni fa è stata festeggiata la pasquetta, e io e amici abbiamo deciso di trascorrerla presso lo Zoo Safari di Fasano, in provincia di Brindisi. Una giornata stancante (certo!) ma che rifarei tante altre volte… non solo per come l’ho trascorsa ma anche per la compagnia. E si sa: se c’è la compagnia c’è già tutto!

Partiti da Vasto verso le 6.30 del mattino, siamo arrivati lì dopo circa due ore e mezza, per poi passarne altre due a causa della lunghissima fila per poter entrare dentro lo Zoo Safari (percorribile con la propria macchina). C’era traffico è vero, ma era prevedibile… quindi nessun problema. 😉

Entrati verso mezzogiorno… la pasquetta è ufficialmente iniziata, percorrendo lo Zoo con la macchina mentre si era circondati da animali di vario genere: elefanti, zebre, lama, leoni, tigri, ecc.

Poi siamo entrati nel Parco Giochi Fasanolandia per passare il resto della giornata tra la Sala Tropicale, il Delfinario e il percorso pedonale che consente di vedere da vicino primati (come: gorilla, scimpanzé, gibboni, babbuini e lemuri).

Tratto da La Vacanza fai da te:

Lo Zoo Safari di Fasano è “il Parco faunistico pedonale ed il Parco divertimenti annessi, più grande d’Italia ed uno dei maggiori d’Europa” (definizione del sito ufficiale). Si estende per ben 140 ettari e ospita circa 200 differenti specie animali per un totale di circa 1700 ospiti del regno animale. La particolarità dello Zoo Safari è l’ambiente in cui gli animali vivono: i 140 ettari del parco sono immersi nella vegetazione tipica della macchia mediterranea, in cui gli ospiti del regno animale hanno la possibilità di vivere godendo di grandi spazi naturali. Gli animali sono inseriti in questo habitat e godono di un’ampia libertà di movimento; sono liberi di avvicinarsi ai visitatori quando vogliono (ovviamente è garantita la sicurezza).

Vi consiglio la visita? Ohibò, assolutamente sì! 🙂

Di seguito alcuni miei scatti fotografici. Tante altre mie foto potete vederle in quest’album.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *