Milano Food&Wine Festival: weekend all'insegna della qualità

Milano Food&Wine Festival: weekend all’insegna della qualità

Il 6 febbraio si è concluso il Milano FOOD&WINE Festival, il più importante temporary restaurant del mondo.

Organizzato all’interno del MiCo Milano Congressi di FieraMilanoCity, trattasi di un evento interamente dedicato al grande pubblico di appassionati del vino e del cibo di qualità.

Uno spazio degustazione di oltre 1400 mq. dove 100 fra i migliori vignaioli italiani hanno proposto in degustazione i loro vini. Presenti anche 21 tra i migliori chef del mondo che si sono confrontati con l’interpretazione intelligente di grandi materie prime. Ben 300 le etichette proposte ai banchi d’assaggio da 100 produttori selezionati personalmente da Helmuth Köcher, presidente e fondatore del Merano WineFestival, unicamente il top della produzione nazionale, ovvero solamente i vini ai quali le severe commissioni degustazione del festival hanno attribuito punteggi elevati, ammettendoli all’ultima edizione dell’evento svoltosi poco più di un mese fa.

I produttori e i vini presenti a Milano FOOD&WINE Festival sono stati:

– Abruzzo: Cantina Zaccagnini, Fattoria La Valentina, Feudo Antico, Marramiero, Masciarelli, Pasetti, Tenuta Ulisse;
– Alto Adige – Südtirol: Cantina Terlano/Cantina Andriano, Castelfeder, Kettmeir, Ritterhof Cantina, Calabria, Ceraudo Roberto, Librandi Antonio e Nicodemo;
– Campania: Feudi di San Gregorio, Giardini Arimei – F.lli Muratori, Joaquin, Manimurci, Marisa Cuomo, Vigna, Villae in Taurasi, Villa Matilde, Vinosia;
– Emilia Romagna: Botti, Casali Viticultori, La Battagliola, Medici Ermete & Figli;
– Friuli Venezia Giulia: Castelvecchio, Livio Felluga, Livon, Myò – Vigneti di Spessa, Scubla Roberto, Tenuta Tomasella, Torre Rosazza, Villa Job;
– Lazio: Casale del Giglio, Marco Carpineti
– Liguria: Cantine Lunae Bosoni;
– Lombardia: Ca’ del Bosco, Cantina Perla del Garda, Le Marchesine, Podere Bignolino, Monte Rossa, Provenza;
– Marche: Santa Barbara, Rio Maggio;
– Piemonte: Cantine dei Marchesi di Barolo, Damilano, G.D. Vajra, Marco Bianco, Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Gresy, Vajra G.D.;
– Puglia: Agricole Alberto Longo, Amastuola, Cantina Torsello;
– Sicilia: Carlo Pellegrino & C., Firriato, Gulfi;
– Toscana: Agricola Sada, Campo alla Sughera, Cantine Acquaviva, Cantine Leonardo da Vinci, Capannelle, Castello Banfi, Castello di Querceto, Col d’Orcia, Dei, Diadema, Fabrizio Dionisio, Fattoria di Magliano, Il Marroneto, Il Molino di Grace, Leuta, Michele Satta, Petra, Querciabella, Riccardo Baracchi, Rocca delle Macie, Tenimenti Angelini, Tenuta Sette Ponti, Usiglian del Vescovo;
– Trentino: Ferrari F.lli Lunelli;
– Umbria: Arnaldo Caprai, Colle Uncinano, Tenute Alzatura – Cecchi;
– Valle d’Aosta: La Source;
– Veneto: Adami, Allegrini, Bisol Desiderio & Figli, Col del Sas – Spagnol, Col Vetoraz Spumanti, Ferragù, Le Colture, Loredan Gasparini – Venegazzù, Massimago 1.8.8.3., Progettidivini, Secondo Marco, Terre di Leone, Terre di San Rocco, Tommasi Viticoltori, Vineyards V8+, Zardetto Spumanti, Zymè.

All’interno di Milano FOOD&WINE Festival attive ben due cucine, veri laboratori creativi nei quali si sono alterati gli chef, scelti da Paolo Marchi fondatore e curatore di Identità Golose, per la preparazione in diretta di piatti d’autore che il pubblico ha potuto gustare appena pronti. Alla direzione delle cucine una garanzia “tristellata Michelin” Enrico e Roberto Cerea, chef del Da Vittorio di Brusaporto-Bergamo.

Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di wine&food che hanno gustato in un unico spazio i vini dei più prestigiosi produttori italiani abbinati a strepitosi piatti d’autore.

Alcuni miei scatti fotografici potete vederli su Flickr e su Facebook.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *