L’Aquila, l’autunno grigio dell’Università senza servizi nè alloggi

Autunno freddo e grigio per l’Università aquilana. Le iscrizioni registrano una flessione, ma c’è tempo fino a dicembre. E per chi nonostante tutto ha scelto eroicamente di venire a studiare nel capoluogo terremotato, denuncia l’Unione degli universitari, devono subire molti disagi: non sono disponibili mense, in nessun polo universitario. Non esistono sale studio o sale computer. La graduatoria delle borse di studio, uscita qualche giorno fa, evidenzia un clamoroso 0% di copertura denuncia l’Udu. ”La mancanza totale di servizi – spiega L’Udu in una nota – non può essere più imputata all’emergenza, ma è da attribuirsi all’incapacità e all’indifferenza totale della Giunta Regionale e dell’Assessore Gatti sulle politiche sul diritto allo studio.

C’è poi il problema irrisolto della drammatica mancanza di alloggi per gli studenti fuori sede. Anche se e questa è una bella notizia, il costo medio degli affitti sta tornado a livelli accettabili: 200 euro per una camera singola, 150 per una doppia. L’Udu invita comunque a denunciare senza indugi alle forze dell’ordine chi ancora specula, o affitta in nero o con contratti irregolari.

Fonte: Abruzzo24ore.tv

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *