L’Aquila, il Canada il primo a mantenere gli impegni del G8

Quello del Canada è forse l’unico impegno mantenuto, fino ad oggi, di quelli assunti nei confronti delle popolazioni terremotate dai grandi della terra riuniti nel G8 di luglio 2009 a L’Aquila.

L’importanza di questo centro polifunzionale, un prefabbricato di duemila metri quadri tirato su in meno di 4 mesi, è rappresentato dalla sua destinazione: gli studenti universitari.

Anche la posizione non appare secondaria: la struttura – ecocompatibile e antisismica – sorge fra il polo scientifico di Coppito, la facoltà di Medicina e la futura casa dello studente.

Il plesso, costato al governo canadese 3 milioni e mezzo di euro, composto da una palestra polivalente con annessi ambulatori medici, una biblioteca, sala conferenze e sale riunioni, è dotato di un ampio spazio esterno, dove sono stati piantati 55 alberi, l’acero simbolo del Canada, tanti quanti gli studenti vittima del sisma.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *