James Cameron “estasiato” dallo Hobbit di del Toro

Peter Jackson e James Cameron al Comic-Con 2009
Peter Jackson e James Cameron al Comic-Con 2009

Per preparare il suo kolossal fantascientifico Avatar il regista James Cameron sta passando le ultime settimane al lavoro con la Weta Digital in Nuova Zelanda, e per questo è in stretto contatto con Peter Jackson e il team che lavorerà su Lo Hobbit. E’ quindi logico che abbia visto in anteprima i disegni concettuali, le maquette e i progetti che Guillermo del Toro e gli artisti stanno realizzando per la pre-visualizzazione dei due film.

Ain’t It Cool News riporta il commento di Cameron:

Before the recorder was turned on there was some small talk about how awesome Weta is. Cameron mentioned that he’d seen some of their design work on THE HOBBIT and that it really is the original trilogy world created by Weta and Peter Jackson, but with a slight influence of Guillermo del Toro’s style. Cameron said the two styles mix perfectly together (trad.: Prima che iniziassimo l’intervista, abbiamo parlato di quanto è grandiosa la Weta. Cameron ha accennato al fatto di aver visto alcuni disegni preparatori dello Hobbit, e ha detto che si tratta davvero dello stesso mondo realizzato dalla Weta e da Peter Jackson per la trilogia, ma con una influenza decisa dello stile di Guillermo del Toro. Cameron ha detto che i due stili si fondono alla perfezione).

Poche ore dopo, lo stesso Del Toro ha commentato la cosa sul forum di TheOneRing.net:

Per quel che importa: James Cameron e io siamo grandi amici da 17 anni. Ma questo non ci ha mai impedito di essere molto critici l’uno sul lavoro dell’altro. Sappiate che non avrebbe MAI detto una cosa simile se non l’avesse pensata veramente. Quello che gli abbiamo mostrato è stato: i Goblin nel loro ambiente, il drago Smog (completamente progettato ma senza i colori e le texture finali), i ragni del Bosco Atro, il Bosco Atro, i troll di pietra, i Mannari (Warg), i nani dei Colli Ferrosi, l’esercito di Gundabad, la sala del trono di Thranduil, e altre cose, ed era letteralmente estasiato. Questo per me, come amico, e anche come regista, ha significato moltissimo. Alla fine di tutto questo magari voi non sarete d’accordo con lui, ma vi assicuro che comunque questa era la sua sincera opinione.

Fonte: BadTaste.it, Ain’t It Cool News, TheOneRing.net.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *