Curiosità, Internet

Tra le mura di Google Italia per augurarci Buon Natale!

Google Local Milano
© Marinella Scarico

Ieri sera sono stato ospite degli uffici milanesi di Google Italia. Senza tralasciare il grande piacere di essere tra le quattro mura di una delle società più grandi e importanti del mondo (seppur a Milano c’è una piccola parte dell’intera Azienda di Mountain View, ovviamente), è stato davvero piacevole far parte, per qualche ora, di un mondo ‘diverso’ da quello che vivo e che, inutile nasconderlo, attira non poco, e sicuramente non solo me.

Già vedere le pareti tinte con i colori ufficiali del logo Google (oppure il biliardino posto nel corridoio di ingresso che ti porta direttamente in cucina) danno l’idea di come si tenda ad offrire un ambiente giovane e vivace. E credetemi, a mio parere è un’ottima idea.

La serata è stata una delle più semplici (le foto le trovate qui) e l’invito a partecipare non potevo di sicuro ignorarlo. Nessuna visita per l’intero piano dove sono dislocati gli uffici, ma un semplice e ‘casereccio’ aperitivo in compagnia, a suon di rustici, panettone, coca cola, birra e spumanti. Uno scambio non solo di auguri di Buon Natale! ma anche di conoscenze professionali tra me e gli altri partecipanti (eravamo una 15ina), tante battute e tanti scambi di pareri sulle ultime novità etichettate – ovviamente – Google. Si è parlato in gran parte di Google Local, senza tralasciare le recentissime Community di Google+. Tante idee per i prossimi mesi, così come diverse saranno le iniziative Google. Certo, inutile nasconderlo, Facebook, Twitter e quant’altro non resteranno a guardare. Tutto il mondo dei Social Network è in continua evoluzione e sarà interessante – come lo è sempre – vedere ‘chi’ farà ‘cosa’.

Google LocalParlando strettamente di Google Local (il cui simpatico e sempre sorridente team ci ha ospitati ieri sera) si nota come, ormai, le recensioni pubblicate dalle nostre cerchie di amici siano l’unico – oltre che ottimo – mezzo per scoprire e condividere luoghi. Se è un mio ‘amico’ a dirmi di visitare quel museo o di cenare in quel ristorante oppure di scegliere un determinato cinema rispetto ad un altro, è palese che seguirò il suo consiglio. Sono mesi e mesi che non mi focalizzo sulle descrizioni pubblicate direttamente dai gestori di una location ma cerco sempre info, recensioni e particolarità condivise dalle mie cerchie di amici (n.b.: uso la parola ‘cerchie’ come le descrive Google+, ma io mi riferisco anche a tutti quei gruppi di contatti che ho sui restanti social network).

L’attività che, ad oggi, non mi attira in nulla è il segnalare la mia presenza in un determinato luogo: il check-in (segnalare dove sono offline al mondo online). Mi viene troppo facile e immediato avviare FourSquare, segnalare la mia posizione e condividerla tramite Twitter/Facebook. Di farlo da Google+ semplicemente me ne dimentico, non mi viene automatico. Superata questa condizione, penso che usufruirò di G+ davvero a 360°.

Attenzione però! Preferisco eliminare sul nascere possibili commenti che possano criticare o supportare la mia scelta di dedicarmi a G+: non sto dicendo che sia meglio G+ di Facebook e non ho alcuna intenzione di ‘spostarmi’ su un altro social network, dopotutto… perché mai dovrei farlo se ho la libertà di usarli entrambi!?