Dove c’è Impregilo, c’è casa… ops, c’era casa!

Dopo il post su “la sabbia abruzzese di Saviano” e girando per Facebook e il web ho trovato questa bellissima (ovviamente lo dico retoricamente) notizia, che riporto quì tratta dal Blog di Beppe Grillo:

In caso di terremoto l’ospedale è l’ultimo edificio a dover crollare. All’Aquila è stato il primo. L’ospedale San Salvatore è inagibile al 90%. Per curare i feriti gravi non si può aspettare. Non sempre si ha il tempo per trasferirli altrove.

Luca Antonini, cardiologo dell’ospedale dell’Aquila, ha perso la moglie e il figlio sotto le macerie: “L’ospedale è inagibile perchè qualcuno lo ha costruito male, perché qualcuno ci ha lucrato sopra“.

Gian Michele Calvi, membro Commissione Nazionale Grandi Rischi:”Nell’ospedale ci sono stati danni importanti che… sono inaccettabili soprattutto perchè si ritiene che un ospedale debba non solo non crollare, ma anche garantire la funzionalità nei momenti di emergenza“.

Chi si attribuisce il merito di aver costruito l’ospedale San Salvatore come è possibile leggere dal suo sito? Impregilo!
Impregilo è il braccio di cemento armato di ogni governo. E’ il monopolista delle Grandi Opere, degli inceneritori, delle autostrade. Gli ex amministratori delegati dell’Impregilo e della Fibe (gruppo Impregilo) sono stati rinviati a giudizio a Napoli per lo scandalo dei rifiuti. Impregilo è ovunque: nella Salerno-Reggio Calabria per la quale ha chiesto un prolungamento di tre anni per la consegna dei lavori. Ha costruito l’inceneritore di Acerra, è nell’alta velocità. E’ la società a cui il Governo vuole affidare il Ponte sullo Stretto, le nuove centrali nucleari, la TAV.
L’Impregilo è specializzata in ospedali. Oltre a quello dell”Aquila ha costruito gli ospedali di Lecco, Modena, Careggi, Poggibonsi, della Versilia, Destra Secchia, Cerignola e Menaggio. Tutti, di sicuro, antisismici. Dove c’è Impregilo c’è casa.

Dal sito di Impregilo:

Si tratti di costruire un rilevato stradale sui terreni paludosi dell’entroterra africano o una tratta ferroviaria ad alta velocità sull’Appennino italiano, di realizzare un ponte sospeso su un fiume amazzonico o un aeroporto nelle pampas argentine, a qualsiasi altitudine e qualunque sia la conformazione geografica del territorio“.

Dal sito di Impregilo:

L’applicazione dei più elevati standard, la fornitura delle attrezzature più complete e sofisticate per la cura delle diverse patologie, la realizzazione di strutture secondo i più esigenti parametri di confort ed igiene, fanno di IMPREGILO EDILIZIA e SERVIZI un punto di riferimento nell’ambito dell’edilizia sanitaria. In questo settore la società ha realizzato sia in Italia che all’estero importanti e moderni complessi ospedalieri che vengono di seguito dettagliati.

In Italia:

  • Ospedale di Lecco: 137.000 m², 500.000 m³, 950 posti letto, 21 camere operatorie.
  • Istituto Oncologico Europeo di Milano, struttura specialistica all’avanguardia per la diagnosi e cura dei tumori: 29.000 m², 90.000 m³, 210 posti letto, 7 camere operatorie.
  • Ospedale di Modena: 230.000 m², 445.000 m³, 800 posti letto, 12 camere operatorie.
  • Ospedale di Careggi, specialistico per la diagnosi e cura delle infezioni da HIV.
  • Ospedale di Poggibonsi: 12.000 m², 175.000 m³, 200 posti letto.
  • Ospedale della Versilia: 80.000 m², 600 posti letto.
  • Ospedale Destra Secchia: 28.000 m², 450 posti letto.
  • Inoltre, ospedali a L’Aquila, Cerignola e Menaggio.”

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *