Auguri a Lo Hobbit che oggi compie 72 anni !

Era il 21 settembre 1937 quando John Ronald Reuel Tolkien pubblicò per la prima volta il romanzo fantasy Lo Hobbit o la riconquista del tesoro (titolo originale: The Hobbit, sottotitolato There and Back Again, cioè “Andata e ritorno“).

Lo Hobbit può essere considerato l’antesignano di tutta l’opera narrativa sulla Terra di Mezzo; in esso hanno principio o spunto, anche se in forma di abbozzo rispetto a quanto sarà il corpus finale dell’opera, gli altri libri.

L’Unico Anello sarà il tema centrale de Il Signore degli Anelli, mentre le antiche spade elfiche di Gondolin riportano alle storie narrate ne Il Silmarillion, opus maximum dell’autore, lasciato incompiuto e pubblicato postumo dal figlio. Il tema dell’eroismo è centrale nell’opera, che è stata vista come una parabola della Prima Guerra Mondiale dove contadini o persone della campagna in genere sono costrette a compiere atti di eroismo.

Tolkien immagina il suo fantastico mondo in questa prima opera come un passato remoto del nostro, tant’è che gli Hobbit sono indicati come esseri che vivono ancor oggi e che, per quanto siano molto difficili da vedere, un tempo ebbero un ruolo ruole cruciale nell’estirpare il Male dal mondo che noi conosciamo.

Ricordo che ormai è ufficiale la produzione di 2 film basati appunto sulla storia de Lo Hobbit, in programma per il dicembre 2011 e dicembre 2012. Per leggere tutte le notizie fino ad ora pubblicate basta clickare qui.

Piccola curiosità:

The Hobbit (1977)
The Hobbit (1977)

Nel 1977 la Rankin/Bass Production produsse un film per la TV di animazione de Lo Hobbit (in questa pagina la scheda dell’Internet Movie Database).

Il film fu inizialmente trasmesso dalla NBC negli U.S.A. il 27 novembre 1977, e aveva come target un pubblico infantile: la storia fu fatta secondo uno stile molto “leggero” e includeva molte canzoni basate sui poemi presenti nel libro. Buona parte della storia fu semplificata e molte parti vennero omesse.

L’animazione è stata sia apprezzata che criticata.

Alcuni recensori l’hanno vista come uno dei punti di forza del film, ma delle inaccuratezze nel disegno di molti personaggi tolkieniani hanno fatto storcere il naso a molti suoi fan: Gollum assomiglia ad una sorta di rana gigante con enormi occhi bianchi senza iridi; gli Elfi Silvani, sembrano orribili come Gollum o degli orchi; Smaug è estremamente “capellone” per un drago della Terra di Mezzo, e presenta alcune caratteristiche feline sul volto. Altri si lamentarono del doppiaggio, spesso con inflessioni americane o germaniche.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *