Attore per una settimana!

La settimana scorsa ho vissuto per la prima volta l’esperienza di essere su un set, e più precisamente su un set di un cortometraggio che io e altre persone (amici e non) abbiamo girato nella mia Vasto.

Certo, non è come essere su un set di un colossal hollywoodiano oppure un semplice film italiano, ma sono stati comunque momenti che mai scorderò: l’incontrarsi la mattina alle 8 per provare i propri copioni, per attendere alcuni importanti giochi di sole per le riprese, stare fino a notte fonda a festeggiare le ultime riprese, pranzare e cenare tra un locale e l’altro scambiandosi opinioni sulla sceneggiatura, sul trucco oppure sulle inquadrature e poi tanto ma tantissimo altro.

Il tutto è nato a inizi giugno su un’idea di un mio amico (il primo comunicato stampa) che ringrazio tutt’ora per avermene reso partecipe, all’inizio come collaboratore riguardante l’ufficio stampa e, poi, per avermi proposto di partecipare in prima persona come attore. Ora mi interesserò anche dell’aspetto grafico del sito, quindi diciamo che in tutta la pre e post produzione ci sono sommerso più che mai… e sono al settimo cielo per questo. 🙂

Torniamo al cortometraggio…

Nato come un semplice progetto, ha poi destato durante il mese di giugno e gli inizi di luglio un certo interesse non solo dentro i confini della mia città ma anche fuori… e parlo di fuori Abruzzo. Dal set cinematografico dell’ultimo film di Checco Zalone è sceso l’attore che ha interpretato la parte del protagonista del cortometraggio, e dalla Sicilia è arrivato il capo-responsabile della DGTVision, con tutta l’attrezzatura cinematografica a seguito e a nome della Azteca Produzioni, e che ha fatto un lavoro fantastico. E inoltre dietro la telecamera: trucco, parrucchiere, fotografo, assistenti, microfonista, regista e co-regista, ecc.

In questi giorni ci si appresta al montaggio delle diverse ore di riprese e all’inserimento della colonna sonora, per una “prima” proiezione durante la XVa edizione del “Vasto Film Festival” che, dal 18 al 22 agosto, vedrà partecipi diversi ospiti mondiali, come per esempio Gérard Depardieu, il regista Gabriele Salvatores e tanti altri protagonisti del mondo cinematografico.

Questa esperienza è stata fin troppo divertente e piacevole, soprattutto per un ottimo feeling e “voglia di fare” tra tutta la troupe, ed ecco perchè non vedo l’ora di ripetere il tutto alla prima occasione. Si parla già di un possibile lungometraggio da 40 minuti durante le prossime settimane e di un altro cortometraggio durante l’estate 2011… beh, io sono sempre disponibile.

Per ora vi lascio con la sintetica sinossi per film, e non vi dirò altro inerente alla trama se non dopo la prima al Festival di Vasto. 🙂

Solo, di fronte ad un bivio“, sinossi ufficiale:

Essere o non essere. Ebbene è la paura che subentra in alcuni momenti della nostra vita, a chi più, chi meno, è ciò che ha visto protagonista Luca. Nella sua testa come nella sua vita esisteva solo una ragazza, Federica, uguale a lui solo per l’età, assoggettata alla ‘massa’, non ragiona con il cuore bensì con criteri di razzia: “non fumi? non sei normale”, “non ti droghi? sei inutile e inesistente”. Luca, 20enne, rimproverato da una società di massa poiché è sempre stato sé stesso, è drasticamente senza condizionamenti, il momento in cui deciderà di ‘farsi condizionare’ sarà un tentativo voluto da lui stesso per vedere a che punto arrivava il pregiudizio della ragazza che amava.

Commenti

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *