Agire - Futuro da Proteggere

AGIRE per un Futuro Da Proteggere!

Sostengo AGIRE anche in occasione della Giornata Internazionale per la Riduzione dei Disastri, che viene celebrata ogni anno, il 13 ottobre, con l’obiettivo di valorizzare la capacità delle persone e delle comunità di ridurre i rischi delle catastrofi naturali e diffondere conoscenze e consapevolezza riguardo all’importanza delle pratiche di prevenzione e mitigazione.

Agire - Futuro da Proteggere

I numeri dimostrano quanto l’argomento sia urgente e ci riguardi da vicino.
Nel solo 2012, 357 disastri naturali hanno colpito oltre 124 milioni di persone e causato danni per più di 157 miliardi di dollari. Di fronte ad un più che ottimistico dato sulla riduzione delle vittime (nel 2012 sono state 9655, il numero più basso dell’ultimo decennio) si registra un aumento del 10% delle perdite economiche provocate dalle catastrofi naturali. L’Italia poi, insieme agli stati Uniti e alla Cina, è tra i tre paesi che nel 2012 hanno subito l’86% di tutti i danni provocati a livello globale. Il rischio non riguarda quindi solo paesi lontani e già di per sé vulnerabili, ma bussa anche alle nostre porte. Anche nei paesi OCSE, infatti, dal 1981 ad oggi i danni economici provocati dai disastri sono cresciuti molto più rapidamente del PIL pro capite. Ciò significa che il rischio di perdere la ricchezza in condizioni di disastri è ora superiore alla velocità con cui la ricchezza stessa si sta creando.

Il ruolo della prevenzione diventa allora cruciale non solo per salvare vite umane ma anche in termini economici. L’Organizzazione Metereologica Mondiale ha evidenziato come per ogni dollaro investito nella prevenzione se ne potrebbero risparmiare circa 7 in assistenza umanitaria e ricostruzione. Ma in realtà 9 dollari su 10 vengono spesi “dopo” che il disastro ha colpito, e solo 1 dollaro è dedicato a misure per prevenire il verificarsi della catastrofe o attenuarne gli effetti più negativi.

Per questi motivi anche quest’anno AGIRE lancia un messaggio sull’importanza della prevenzione. Lo fa con la campagna “Futuro da Proteggere realizzata insieme al fotografo Luca Rossini, che utilizza la simbologia vitale del ventre materno come sfondo per immagini di siccità, terremoti e inondazioni, le tre tipologie di catastrofi naturali a più alto impatto.

Foto provocatorie e di valore artistico per una campagna che fa leva sull’importanza della vita umana e sulla necessità di proteggerla attraverso un’adeguata prevenzione” – dice Shelly Sandall, presidente di AGIRE – “Un modo originale per comunicare il tema delle catastrofi naturali e far capire quanto sia vicino a tutti noi, ma anche per dire che prevenire e proteggere si può. Lo dimostrano con i progetti di prevenzione del rischio sviluppati nel mondo dalle organizzazioni non governative della rete di AGIRE, che da anni lavorano perché cambiamenti climatici, urbanizzazione, povertà e degrado ambientale – cause principali dell’aumento del rischio di catastrofi naturali e dell’incidenza dei danni – siano in parte mitigate“.

Commenti

  • Agire! Agire! Agire, questa dovrebbe essere la parola giusta e più adeguata, che i nostri ben Amati politici dovrebbero mettere in pratica. Non solo chiacchiere ma fatti…. reali e costruttivi. Il problema, certamente, è enorme e non è facile risolverlo in due parole scritte su di un foglio. Ma, certamente, chi ha la facoltà e le possibilità per risolvere il problema, si deve dare una mossa!!!!! Come sempre sei in prima linea per appoggiare la causa e di conseguenza darne Eco sui social. Ammirevole come sempre!!! Buona giornata! Un saluto ed un abbraccio come sempre. Ciaoooooooooooo 🙂

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *