Afghanistan: uccisi due soldati italiani

Da parte mia il più sincero cordoglio alle famiglie di questi simboli della patria.

Kabul – Due soldati italiani sono stati uccisi e altri due sono stati gravemente feriti in seguito ad un attacco subito nel nordest dell’Afghanistan. Secondo quanto si è appreso quattro mezzi italiani erano diretti verso la località di Bala Murghab quando è esploso un ordigno rudimentale di quelli usati spesso per attacchi contro le forze internazionali in Afghanistan. I due feriti (uno è donna) sono stati immediatamente evacuati nell’ospedale da campo di Herat con elicotteri di Isaf. Un aereo passeggeri della Pamir Airways è invece dato per disperso in Afghanistan, tra Kabul e Kunduz. Secondo al Jazeera, sul volo viaggiano 43 passeggeri.

Le due vittime sono il sergente Massimiliano Ramadù, 33 anni, di Velletri, in provincia di Roma e il caporalmaggiore Luigi Pascazio, 25 anni, della provincia di Bari. Quest’ultimo era il figlio maggiore di un sovrintendente della Polizia di Stato, in servizio alla sezione “Volanti” della Questura di Bari. Le salme rientreranno mercoledì. Strage con finalità di terrorismo è il reato che la Procura della Repubblica di Roma ha ipotizzato contro ignoti in un fascicolo aperto questa mattina con riferimento all’attentato subito in Afghanistan dai nostri militari. L’indagine è affidata al pubblico ministero Giancarlo Amato il quale ha chiesto al Ros un primo rapporto sull’accaduto.

ilGiornale.it

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati con *